Gli Occhioni del Mondo/Burhinidae of the World

La  Famiglia Burhinidae comprende 9 specie di cui 2 del Genere Esacus e 7 del Genere Burhinus:  Esacus magnirostris Beach thick-knee (Australia); Great thick-knee Esacus recurvirostris (India); Burhinus superciliaris Peruvian thick-knee (Perù); Burhinus bistriatus Double striped thick-knee (Messico e Sud America a nord equatore); Burhinus magnirostris vel grallarius Bush thick-knee (Australia); Burhinus vermiculatus Water dikkop (Africa centro-orientale); Burhinus capensis Spotted dikkop (Africa centrale e meridionale); Burhinus senegalensis Senegal thick-knee (Africa centrale); Burhinus oedicnemus Stone curlew (Europa, Africa e vicino Oriente) (Vaughan & Vaughan Jennings, 2005; Meschini 2010).

 

A beach stone-curlew (Esacus magnirostris) at Kewarra Beach Australia (M. Cairns)

Molto simile al E. recurvirostris ma essenzialmente costiero. Presente  nelle Isole Andamane, la Penisola malese, le Filippine, l’Indonesia e la Nuova Guinea del Sud, l’Australia del Nord ed alcune isole del sud-ovest del Pacifico (del Hoyo et al., 1996). A distribuzione sparsa e poco comune nidifica lungo le coste ma anche in ambienti interni. La sua tecnica di caccia è più simile a quella degli “aironi” …attesa e scatto improvviso per afferrare la preda, di solito grandi Granchi che “fa a pezzi” grazie al poderoso becco. La sua biologia è poco studiata. E’ l’unico Burhinidae che depone 1 solo uovo (anziché 2). http://ibc.lynxeds.com/video/beach-thick-knee-esacus-magnirostris/bird-catches-crab-hammers-finally-swallows

Great Thick-knee (Esacus recurvirostris) Bundala National Park, Southern Province, Sri Lanka (D. Cook)

La forma all’insù del suo grande becco gli ha dato il nome, è il Burhinidae più grande e contrariamente al E. magnirostris frequenta solo zone umide interne (laghi, fiumi) del continente indiano. E’ in grado di nuotare come un anatra e correre veloce come i suoi consimili. Le 2 uova sono deposte da febbraio a luglio di solito lungo i depositi fluviali di sabbie senza copertura vegetale. Per quanto ritenuto alimentarsi principalmente di Granchi (usa il potente becco per sollevare le pietre dove i crostacei si nascondono…), non disdegna Anuri, Molluschi, Insetti e altri piccoli animali predando sovente nidi di altri Uccelli (ad es. Fratino Charadrius alexandrinus) ed “ingoiandone intere le uova” (Ali & Ripley, 1969).  http://ibc.lynxeds.com/video/great-thick-knee-esacus-recurvirostris/close-bird-second-individual-laying-rock-next

Peruvian Thick-knee (Burhinus superciliaris) - Jacksonville Zoo, Florida (D. Daniels)

Il “peruviano” è il più piccolo tra i 2 Burhinidae sudamericani ma presenta un dorso meno striato del B. bistriatus . Il  collo e le zampe sono più slanciate dell’Occhione euroasiatico. La sua distribuzione è limitata al Perù ed il sud Ecuador frequentando sia le piane costiere aride sia le garighe collinose ai piedi delle pre-Ande. Ritenuto discretamente diffuso, dalle genti del Perù del nord-ovest, è chiamato ,in modo onomatopeico, “Huerequeque“.  http://ibc.lynxeds.com/video/peruvian-thick-knee-burhinus-superciliaris/front-side-views-walking

Double-striped thick-knee Burhinus bistriatus La Aurora Reserve, Paz de Ariporo, Casanare Department, Colombia (M. Rueda)

Come detto la specie è confondibile con B. superciliaris ma leggermente più grande ed i due areali sono separati da almeno 1000 km. In centro America nidifica nel Messico specialmente la costa del Pacifico, Guatemala, El Salvador e Costa Rica, in sud America Venezuela, Colombia e nord del Brasile in ambienti aridi e semiaridi (savana). Come il superciliaris nel passato anche recente è stato allevato e addomesticato nelle fattorie e ranch delle zone desertiche come “consumatore di insetti dannosi” (Hayman et al., 1986). http://ibc.lynxeds.com/video/double-striped-thick-knee-burhinus-bistriatus/po%C3%A7os-de-caldas-cientific-cultural-creatory-0

Burhinus magnirostris Bush Thick Knee Australia (D. Wright)

Coda lunga come pure le zampe il B. magnirostris sfoggia un colore marrone con dominanze grigiastre distribuito in Australia e specialmente diffuso nella regione del Queensland (nord-est) in declino nel sud più popolato (Sidney-Melbourne), nidifica nel sud della Nuova Guinea ed è presente anche in Tasmania come “dispersivo”.  Frequenta ambienti diversi dai semi-aridi (aperti o arbustivi) sino ai corsi d’acqua anche interni. Si è molto ben adattato agli ambienti antropizzati (parchi urbani, campus universitari e terreni per il golf…). Spesso depone le 2 uova senza nemmeno scavare un vero e proprio nido. Uno studio effettuato a Brisbane (G.J.Anderson, 1991) ha potuto dimostrare che gli adulti sono in grado di trasportare i pulli tenendoli sotto le ali “chiuse” e talvolta di spostare anche le uova [nel caso specifico vennero dislocate di circa 5 m, anche se esiste un caso in letteratura (McGilp, 1947) ove le uova furono spostate di ben 450 m !].  http://www.youtube.com/watch?v=qi1GX_VRaM0

 

Burhinus vermiculatus Amboseli National Park, Kenya (S. Helming)

Di taglia media rispetto all’Occhione e all’Occhione del Senegal, si rinviene in Africa solo a sud dell’Equatore e più legato all’acqua rispetto al senegalensis. E’ stato visto nuotare a colpi d’ala anche sott’acqua (Jackson, 1938). Spesso sfrutta aree con alte densità di Coccodrilli per deporre e poiché i Sauri sono soliti accedere all’acqua frequentando sempre gli stessi sentieri…l’incidenza di uova distrutte o predate appare nulla o molto bassa…(Pitman, 1928;1958) a conferma di questa singolare simbiosi. http://ibc.lynxeds.com/video/water-dikkop-burhinus-vermiculatus/water-dikkop-drinking-sunset-dam-lower-sabie

 

Spotted Thick-Knee Addo Elephant National Park, Eastern Cape Province, South Africa (C. López )

Il capensis è il più grande dei 3 Burhinidae africani e prende il nome volgare inglese dal suo mantello maculato (unico tra tutti). Il suo range si estende da est verso ovest dall’Etiopia, Somalia e dal Kenia al Senegal, a sud dell’Equatore sino al sud Arabia. In espansione dagli anni ’70 del secolo scorso ha saputo adattarsi agli ambienti antropizzati (campi arati/coltivati, parchi e giardini, campus universitari, zone industriali)…un nido a soli 2 m da una strada ad alto traffico nel Kalahari Gemsbok Park (Maclean, 1973). Una delle poche specie il cui spettro alimentare appare ben conosciuto grazie ad una coincidenza “cruenta”: nel periodo 1984-1992 nell’ambito di    una campagna di contenimento degli uccelli negli aeroporti di Bloemfontein, Kimberley e Johannesburg 60 individui furono abbattuti ed i loro resti stomacali analizzati (Kok, 1993). Gli insetti sono predominanti (93.8%) e tra questi specialmenti i Coleotteri ed Isopteri (Termiti).     http://ibc.lynxeds.com/video/spotted-dikkop-burhinus-capensis/bird-under-dry-bush

Burhinus senegalensis Lake Langano, Oromia Region, Ethiopia (S: Helming)

Il senegalensis presenta corpo più corto e slanciato rispetto all’Occhione e a dispetto del suo nome lo si trova a nord dell’Equatore, nel Sudan dal quale si protende nella valle del Nilo e a sud del Sahara inclusa Nigeria e Rep. centro Africana. Uccello da terreni sabbiosi o desertico pietrosi raramente rinvenibile lungo le rive dei corsi d’acqua e preferisce quindi zone interne. In Egitto talvolta nidifica sui tetti a terrazzo delle abitazioni (Goodman & Meininger, 1989) e tale attitudine è stata anche osservata in modo coloniale nel passato (anni ’40): diverse coppie a Delta Barrage (21 km nord del Cairo) e a Giza (Russell Pasha 1948). http://ibc.lynxeds.com/video/senegal-thick-knee-burhinus-senegalensis/few-birds-around-water

 

Burhinus oedicnemus (G. Ielardi)

Burhinus oedicnemus Lanzarote Isole Canarie